Vittorie da conservare

Se n’è andata anche la terza settimana di spring training e la situazione pare essere immutata rispetto alle precedenti, ovvero vittorie che arrivano in abbondanza rispetto alle sconfitte e soprattutto ottimi segnali che provengono da tutti i reparti.

Siamo in ritmo per superare le 23 vittorie della scorsa primavera e vien quasi da dire che è un peccato che tali match non valgano per la classifica vera e propria, perchè ci stiamo prendendo gusto e non vorremmo poi trovarci durante la regular season a cercare quelle vittorie che poi risultano decisive per la classifica finale. Certo è che queste partite ci stanno abituando bene, come ci ha abituato molto bene la stagione scorsa, come si può a questo punto pensare che affronteremo questo 2011 senza chiedere nulla a questa squadra? non si può. Bisogna provare a vincere la division, questo è l’obiettivo che ci poniamo.

Venendo ai dettagli più tecnici possiamo dire che quest’ultima settimana servirà a farci capire con precisione come sarà composta la nostra rotazione, sempre che non ci pensi coach Bochy a parlare e a toglierci ogni dubbio. Pare che Zito oltre a molti soldi in tasca abbia molta voglia di esserci ancora e la sua ultima uscita conferma questa tesi; spesso perde il controllo dell’area di strike ma la palla sa ancora far male e gli avversari riescono ancora ad andare in difficoltà. Se dovessi puntare ad oggi un cent lo giocherei su di lui; va aggiunto che ci sarà ancora tempo per decidere, partiremo infatti con la serie da 4 contro i Dodgers prima di un giorno di riposo, poi serie da 2 e altro giorno di riposo, c’è la possibilità che il quinto spot esordisca piuttosto tardi, magari nell’opening casalingo contro i Cardinals.

Gli “avversari” nella corsa a partente di Zito si stanno un po’ spegnendo, specie nei panni di Suppan; Jeff infatti mostra troppi segni di cedimento e un posto da partente pare allontanarsi per lui. Meglio invece Vogelsong che tiene ancora, al momento credo sia lui l’alternativa più credibile a Zito. Vediamo però come finisce questo mese.

Per il resto continuano i buoni segnali da Lincecum (al suo migliore spring training in carriera), da Sanchez, da Bumgarner e soprattutto da Cain, ripresosi dal lieve infortunio al gomito. Tra i rilievi brutte notizie arrivano dal barbuto Wilson che si è dovuto fermare per un problema muscolare. Pare possa rientrare per l’opening day ma non è affatto sicura questa possibilità. Il closer momentaneo di riserva potrebbe essere ripescato tra Affeldt e Runzler.

L’attacco intanto sforna prestazioni ancora convincenti; Posey si è un po’ quietato tra un home run e l’altro, Belt sta dimostrando di meritare un posto da titolare da subito e Sandoval pare con testa e gambe a posto per partecipare al gioco da protagonista. Stiamo ancora aspettando Tejada, ma c’è ancora tempo.

Ci resta una settimana e mezzo di match, poi si azzera tutto, e si riparte.

Nota sulla webradio, positivo il suo impatto nei mass media nazionali, la strada per la gloria è quella giusta. Scherzi a parte, i fedelissimi Giants ci seguono nonostante le telecronache siano tutto fuorchè professionali, noi ci divertiamo, per cui va tutto bene.

Annunci

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: