FLA @ SF gara 2: dalla rimonta al dramma

     Gara 2 contro i Marlins, una sfida che, ahinoi, ricorderemo a lungo nell’arco della stagione 2011, purtroppo per un motivo amaro, molto amaro, ovvero il terribile infortunio di Buster Posey. Correva il 12° inning quando i Marlins con le basi piene e 1 out battevano una fly-ball con Bonifacio che cadeva nel guantone di Schierholtz; il nostro esterno tirava a casa base verso Posey che cozzava contro l’accorrente Cousins. L’impatto era violentissimo e il nostro Buster era costretto ad uscire; purtroppo abbiamo ancora notizie frammentarie ma pare che ci sia la frattura della gamba con interessamento dei legamenti della caviglia, non escludendo nemmeno il ginocchio coinvolto. Chiaramente a breve ne sapremo di più ma ciò che è assodato è che il nostro Buster ha terminato la sua stagione nel modo più brutto possibile.

Con questa notizia orribile, non c’è alcuna voglia di parlare della partita, della sconfitta (arrivata con il punto decisivo proprio nell’occasione dell’infortunio di Posey) dopo una rimonta ai confini dell’incredibile e di ciò che ne sarà della nostra squadra, a cui viene a mancare un supporto di fondamentale importanza, anzi, direi l’unico giocatore con un talento superiore del nostro roster (escludendo il reparto pitchers).

Ora vengono richiamati Belt e Stewart da Fresno, quest’ultimo con l’incarico di catcher di riserva vice-Whiteside, il quale sarà il nostro uomo dietro il piatto per il resto della stagione a meno di interventi sul mercato. Dei quali interventi, ora davvero credo non sia il caso di parlarne, proprio perchè prevale lo shock della botta subita. Eppure il baseball è uno sport meraviglioso anche perchè ti dà la possibilità giocando di pensare alla partita che viene, e come in questo caso, noi tra poche ore saremo già in campo per gara 3; credo sarà difficile evitare lo sweep data la botta morale, ma noi siamo una squadra dalla mille risorse che saprà farsi valere, ne sono convinto.

Una volta assimilata questa legnata troveremo la forza di lottare fino al termine per l’obiettivo playoff, nonostante tutto ancora raggiungibili; tra poco torna il Panda, poi Belt ha una nuova importante chance di fare bene, insomma ce la giocheremo, suvvia! Sicuramente Buster ci mancherà moltissimo, questo è sicuro.

Peccato anche perchè avevamo per la milionesima volta compiuto una rimonta pazzesca, sotto di 4 nel 9° inning quando sembrava che ormai non ci fossero più speranze, eravamo stati fantastici a trovare il pareggio, nella solita devastante reazione d’orgoglio, qualità numero uno di questi ragazzi. Ahimè sono arrivati danno e beffa… e ce ne faremo pur una ragione.

Una cosa mi va di aggiungere nel finale: non voglio imputare l’infortunio di Buster a Bochy, è davvero esagerato, ma se è successo ciò è perchè siamo arrivati al 12° inning. E come ci siamo arrivati a questo 12° ? con una colossale, colossale Bochyata. Nell’8° infatti Romo ha impiegato 10 lanci per mandare strikeout tutti e 3 i battitori affrontati, nel nostro successivo attacco non avevamo da cambiare pitcher avendo nell’ordine di battuta Huff, Posey e Ross. Nel 9° per i Marlins si presentano 2 destri su 3 e Bochy cosa fa? mette Lopez per Romo? ma perchè? ma perchè? ma perchè? se fossi un giornalista glielo chiederei per due ore e alla sua giustificazione glielo chiederei ancora. Non c’è alcuna giustificazione per questa cosa. Nessuna. Ma nessuna proprio.

Gara 3, ore 21.45, Anibal Sanchez @ Vogelsong, vincere per Buster!

Una Risposta to “FLA @ SF gara 2: dalla rimonta al dramma”

  1. Angelo Says:

    Terribile…terribile. Sono sotto shock da ieri.

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: