SF @ CIN gara 3 (0-9): come da copione

     Un “bel” piatto servito caldo di domenica sera: uno sweep. Era piuttosto scontato alla vigilia, eppure ci siamo approcciati alla partita belli speranzosi che potesse andare diversamente, invece no; è stato un pronostico rispettato in maniera così netta da rimpiangere di non essere andati in qualche agenzia di scommesse a puntarci 4 soldi.

A cosa era dovuta questa convinzione di non farcela? dal match-up, ovviamente. Zito-Cueto era fortemente sbilanciato dalla parte di Cincinnati, con il pitcher dei Reds con un’ERA sotto il 2 e incapace di concedere più di 3 runs a partita per ogni sua uscita; di Zito invece, che dire, abbiamo scoperto essere state dei bluff le sue partenze positive dopo l’infortunio, il vero Zito è uscito alla distanza e le prestazioni sono state quelle ormai risapute. Non ha fatto eccezione questa domenicale, nella quale per la terza volta su tre partite siamo affondati già nel primo inning. La sindrome del 1° inning, era il titolo del post su gara 2, ma avrebbe potuto valere anche per gara 3.

Il lineup vedeva la novità di Orlando Cabrera, al debutto dopo l’arrivo da Cleveland, e la buona notizia del trasferimento a Fresno (come prevedibilmente annunciato nel post precedente) di un Crawford davvero incapace di aver una dignitosa media battuta in MLB. Tuttavia Bochy ha dichiarato che è probabile il nuovo call-up per settembre, ci auguriamo che avvenga con medie importanti (dubbi su questo) piuttosto che per grazia ricevuta.

L’altra notizia riguarda il mercato; è una non-notizia dato che non abbiamo acquisito nessuno nell’ultimo giorno di mercato disponibile, pertanto il bilancio vede gli arrivi di Keppinger, Beltran e Cabrera a fronte delle partenze di Sosa, Stoffel, Wheeler e Neal. Pur apprezzando lo sforzo di Sabean, restiamo perplessi di fronte al fatto di approcciarci ai playoff (ammesso che ci si arrivi) con 2 catchers del calibro di Whiteside e Stewart, soprattutto avendo avuto 2 mesi di tempo sia per giudicarli che per trovare dei sostituti che rappresentassero un upgrade. La perplessità resta latente nell’aria e, se viene spiegato che ci hanno chiesto prezzi troppo alti per avere un catcher, il dubbio resta. A questo punto, a meno di un improbabile arrivo via waivers, ci giocheremo la restante parte della stagione con questi 2 catchers; c’è da fidarsi? le prove le avremo sul campo.

Detto questo, credo di fare cosa saggia a risparmiare ai lettori la cronaca di un match nel quale abbiamo subito 3 punti nel 1° inning, abbiamo realizzato 3 hits totali per il complete game del pitcher avversario, abbiamo concesso il primo home run in carriera a Frazier e concesso un walk in 4 lanci al pitcher (con media battuta di .037); questo per dire 4 cose che spiegano la nostra gara.

Note negative dell’incontro:

– Zito: forse è stata la sua ultima partita in maglia Giants, francamente ce lo auguriamo. Se non si guarda il contrattone forse un po’ di tenerezza la mette perchè sono sicuro che Barry non merita tutto ciò, di sicuro ci terrebbe tantissimo a fare una grande partita, ma di fatto è un danno alla squadra, poco da aggiungere. La prossima volta se lo rivediamo sul monte ce la prendiamo con Bochy; è il momento di dire basta, definitivamente.

– l’attacco: se Zito fa pena, l’attacco non contribuisce, tutt’altro; averlo rinforzato con gli innesti di mezza estate sembra in realtà aver causato un danno al lineup, pur sapendo che così non è. In generale possiamo dire con sicurezza di aver aumentato la media battuta con i nuovi arrivi, solo che questo non si concretizza in questo match. Eppure Beltran batte valido, piccola buona notizia all’interno di un contesto grigio.

– il bullpen: poveracci, spremuti come limoni in queste partite e gli inseriamo anche nelle note negative. Di fatto la nota negativa è proprio che Bochy abusi di loro, Mota lancia molto per la seconda volta in 3 giorni mentre Ramirez fa addirittura 3 su 3. Ovviamente non possiamo pretendere che lancino bene.

Note positive:

– la trade deadline: la vedo come una buona notizia anche se forse a noi tifosi dispiace il fatto di poter più sognare il colpo che ti fa vincere il campionato. Ma di fatto è meglio per la squadra, meglio per Bochy e meglio per tutti, questi sono gli uomini e con questi ci giocheremo la division, e poi chissà. Siamo sufficientemente attrezzati per competere, per giocarcela, poi vedremo come finirà.

Le ultime dichiarazioni di Sabean ci dicono che Freddy Sanchez probabilmente non lo rivedremo fino al 2012 mentre alla domanda sul catcher il nostro GM ha risposto che non ha trovato quello giusto che rappresentasse un upgrade rispetto ai nostri. Inoltre Bochy ha dichiarato che Zito potrebbe ancora partire venerdì prossimo.

Lasciamo queste dichiarazioni senza un giudizio e pensiamo alla serie da lunedì contro Arizona; si inizia a fare sul serio, servono i Giants dei grandi appuntamenti.

Advertisements

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: