SF @ MIA gara 2 (6-7): ancora non ci siamo, Tim

[Articolo scritto da Angelo Cappa]

Brutta sconfitta. Bruttissima. Solita vecchia storia, battiamo bene ma perdiamo. 14 a 7 per noi, come ieri, ma quello di oggi è il conto delle valide battute. I punti segnati sono 7 per i Marlins, 6 per noi. Lincecum, al solito, si spegne dopo qualche inning. Oggi il disastro arriva nel sesto, in cui subiamo un sanguinoso home run da 3 punti che ci manda sotto. Abbiamo anche provato a rimontare, ma gli dei del baseball non sono stati dalla nostra parte.

Il match si  apre con il fly out di Blanco a cui segue un singolo di Crawfrod. Cabrera e Posey fanno però la stessa fine di Blanco. Miami inizia invece con il singolo di Reyes, che riesce anche a rubare la seconda base. Ma tre fly out consecutivi chiudono l’inning.

Nel secondo arriva il nostro primo punto. Pagan e Huff battono due singoli. Arias cade in un doppio gioco, ma Pagan, che dopo la valida di Aubrey era arrivato in terza, ha il tempo di segnare il punto dell’1-0 per noi. L’attacco si chiude con il ground out di Lincecum. Nell’attacco dei Marlins arriva il walk a Morrison, poi eliminato mentre tenta di rubare dopo un wild pitch di Linecum, ma un tiro perfetto di Posey lo fulmina. Petersen e Buck chiudono l’inning rispettivamente con un K e una ground ball facilmente raccolta da Arias e spedita in prima.

Nel terzo si parte con due singoli consecutivi, di Blanco e Crawford, a cui seguono i due fly out di Cabrera e Posey. Poi Pagan riesce a tener duro in una lunga lotta con Johnson, e alla fine batte un singolo nel centro del diamante. Blanco inizia a correre per segnare il 2-0, peccato che Crawford vada verso la terza base dove viene toccato da Ramirez. Fortunatamente Blanco arriva prima dell’eliminazione e il 2-0 viene registrato. La parte alta del terzo si chiude così. Coghlan, per Miami, batte una buona fly ball tra l’esterno centro e l’esterno sinistro. Ma Cabrera dopo una bella corsa riesce a prendere al volo la palla. Johnson invece batte una ground ball verso Huff, che raccoglie e tira verso Lincecum in prima. Altro ground out per Reyes e finisce l’inning.

Arriva il quarto inning. Huff leadoff guadagna una base on balls, Arias segue con un singolo. Theriot rovina tutto battendo una debole palla che viene raccolta da Ramirez per un doppio gioco. 2 outs e Huff in terza, e c’è Lincecum alla battuta, che riesce a portarsi sul conto pieno, ma va ground out. Ora tocca a Miami. Infante viene subito mandato out con una palla presa al volo da Pagan. Subito dopo Tim manda strike out Ramirez. Ma poi c’è Stanton, che purtroppo per noi si dimostra caldo battendo il secondo fuoricampo in due partite. Arriva infine il secondo K dell’inning ai danni di Morrison. 2-1 per i Giants alla fine del quarto.

Il quinto inizia con gli strike outs di Blanco e Crawford. Cabrera però è anche più caldo di Stanton. Spara una line drive verso l’esterno destro che sbatte nel palo della zona di foul. Home run!!! Posey chiude l’inning con uno strike out. 3-1 Giants. L’attacco di Miami parte con il flyout di Petersen. Buck, con pazienza, riesce ad arrivare in prima
con 4 balls, e poi anche in seconda dopo un wild pitch di Lincecum, che poi concede il secondo walk dell’inning a Coghlan. Alla battuta arriva Dobbs (PH per Johnson) che batte una palla verso Huff. Arriva l’eliminazione in prima, ma i due corridori vengono portati in terza e seconda. L’inning si chiude con 3 ottimi lanci di Lincecum che manda Reyes strike out. Ottima ripresa per Tim.

Sesto inning. Pagan, Huff e Arias non battono niente. Lincecum deve affrontare Infante, Ramirez e Stanton, lavoro non facile. Si parte con il doppio di Infante, Tim risponde con un K a Ramirez. Arriva poi il singolo di Stanton che porta i Marlins sul 2-3. Continuano però le difficoltà per Lincecum, che manda Morrison in base con 4 balls,
e poi concede un altro singolo, questa volta a Petersen. Basi piene. La volata di sacrificio di Buck porta a casa il punto del pareggio. Ma il disastro arriva con Coghlan alla battuta, che batte un fuoricampo da 3 punti. 6-3 Marlins. Il match di Lincecum finisce così, con un disastro. Comunque ci pensa Loux a chiudere l’inning con un fly out ai danni di Mattison.

Nel settimo c’è da registrare il doppio di Blanco, che purtroppo arriva con 2 outs. Crawford infatti batte un pop preso al volo da Morrison, che pone fine al nostro attacco.
Mentre noi tentiamo la rimonta, l’attacco dei Marlins decide di approfittare di ogni nostro errore. Loux concede un walk ad Infante, e nel tentativo di pickoff la palla sfugge a Belt e Infante riesce ad arrivare in terza. Arriverà poi il singolo di Ramirez. 7-3 Miami.

L’ottavo si apre con il triplo di Cabrera, seguito dalla palla battuta in diamante di Posey che gli permette di segnare il 4-7. Ma ci fermiamo qua, perchè Pagan viene mandato strike out e Schierholtz fly out. La parte bassa vede tre ground out ai danni di Morrison, Buck e Coghlan. Tra loro c’è anche Petersen che riesce ad arrivare salvo in prima dopo un errore di Theriot, ma non subiamo altro.

Nel nono proviamo con la risalita. Si inizia con Arias e il suo doppio. Si prosegue con il ground out di Theriot, ma Arias riesce ad arrivare in terza. Belt batte il singolo del 5-7, e subito dopo arriva il doppio di Blanco che spinge Belt in terza. Basterebbe un singolo per portarci in parità. Crawford però batte una volata di sacrificio che vale il 6-7. Il match finisce con lo strike out preso da Cabrera, a mio parere alquanto dubbio. Ma è così che va.

Note negative del match:

– Bochy: nel sesto si rischia di andare sotto, c’è un Lincecum che ha perso controllo e che non promette nulla di buono, e Bochy cosa fa? Lo tiene sul monte. Io pensavo: “Se in questo inning prendiamo solo 2 punti, è un lusso” Invece ne sono arrivati 5. Per me si doveva sostituire Tim dopo il singolo di Petersen.

– Lincecum: peccato, perchè non era partito male. La fastball è arrivata anche a 93 mph. Nelle ultime partenze era stato il quarto inning, quello del disastro. Oggi, invece, il sesto. Che nelle prossime partenze sia l’ottavo? Speriamo solo che in caso di difficoltà venga tolto subito.

– Loux: quell’errore nel tentativo di pickoff è costato caro.

Note positive del match:

– Attacco: battiamo bene. Blanco con 3 valide, Crawford con 2, così come Cabrera, Pagan e Arias. Una valida arriva anche per Huff, Belt e Theriot. L’unico del lineup partente a non battere niente è Posey, ma non mi sento di metterlo tra le note negative, tutto sommato non ha giocato male, considerando anche la difesa. Ma sarebbe meglio, la prossima volta, battere qualche valida.

Non siamo davanti ai Giants dell’anno passato che perdevano male, senza battere e senza idee per risolvere i problemi. Ma le sconfitte, purtroppo, arrivano anche con l’attacco in forma, dobbiamo risolvere il problema, e il prima possibile.
Questa sera, ore 22.10 italiane, gara 3 della serie. Bumgarner vs Buehrle il matchup.

Advertisements

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: