SF @ OAK gara 2 (9-8): Prove tecniche di infarto

[Articolo scritto da Giorgio Sigon]

L’ho detto più e più volte: essere un tifoso Giants non ti fa mai dormire sonni tranquilli. Il problema però è che per la maggior parte delle volte, le partite erano sempre punto a punto e quindi uno si preparava per tempo. Parte bassa dell’ ottavo, 2-1 Giants, può succedere di tutto. Questo va bene, è nell’ordine delle cose. Certo, capitasse un po’ meno sarebbe meglio ma non si può certo aver tutto dalla vita.

A volte succede che arrivi al 9° con un bel vantaggio: il momento ideale per provare qualche rilievo che lancia un po’ meno. Senza pressioni molti danno il meglio di sè e acquistano sempre più fiducia e confidenza con i momenti più decisivi. Ecco, gara 2 sembrava essere uno di quei momenti… e invece molti tifosi (di una certa età) hanno seriamente rischiato un infarto. Perchè un derby è sempre un derby e perderlo come stava capitando sarebbe stato un qualcosa di epico….. ma veniamo alla gara

L’inizio non è certo dei migliori. Tyson Ross kapponeggia un paio di Giants mentre Bumgarner vede la sua pallina andare lontano lontano dopo il giro di mazza di Josh Reddick. A’s avanti 2-0 con il 17 HR in stagione di Reddick che porta a casa anche Weeks. Il nostro pitcher concede 4 valide in un solo inning ma si salva mettendo strikeout Norris. Per fortuna la reazione arancionera arriva subito. Walk su Posey che viene portato a casa da….Gomes. Sulla valida del Panda infatti, l’esterno sinistro di Oakland si dimentica una cosa importante di questo gioco: la pallina, che Gomes non raccoglie permettendo a Buster di girare tre basi. Il pareggio è opera di uno scatenato Belt che mette il singolo che fa entrare il 2-2 del Panda. Peccato che con due uomini in base (walk a Schierholtz), Crawford inneschi il doppio gioco che salva Ross.

Nel secondo MadBum sembra aver trovato il comando del pilota automatico ma il piccolo disastro si materializza con due out sul conto: Crisp, Weeks e il solito Reddick piazzano tre singoli consecutivi, l’ultimo dei quali fa entrare il punto del nuovo vantaggio A’s (3-2). Righetti va a scambiare due paroline con Madison che chiude l’inning con Cespedes al piatto. Nel terzo non arriva la risposta dei nostri e allora Oakland pensa bene di allungare ancora grazie alla botta tremenda di Gomes che si fa quindi perdonare per l’errore precedente. Solo shot per Jonny e 4-2 per i gialloverdi. MadBum viene toccato ancora ma, nonostante il double (con zero out) di Inge, non subiamo altri punti.

Incredibile “strike” di Ross nel quinto: il termine è tra virgolette perchè parliamo di bowling. Il pitcher degli A’s, con un solo lancio, riesce a colpire Blanco e l’arbitro di casa base! La pallina infatti prima colpisce il piede di Gregor e poi finisce all’altezza della gola dell’ humpire (questa è proprio sfiga!) che fortunatamente non deve lasciare la gara.

In tutto questo siamo arrivati al termine del quinto con i nostri che non riescono ad ingranare. Oakland non mette ulteriori punti ma continua a toccare tutti i lanci di Bumgarner mettendo uomini in base.

Nel sesto c’è la (prima) svolta: Posey viene omaggiato di una base ball, Pagan mette un bel singolo e il Panda sfrutta l’errore in presa di Moss che avrebbe avuto un comodo doppio gioco. Invece il prima base A’s non la prende. Non solo: per andare a recuperare la pallina Moss ci mette 10 minuti. Nel contempo Posey e Pagan hanno già fatto 4 giri del campo…. Morale della favola siamo in parità (4-4)! Ross abbandona il monte, sostituito da Blevins che affronta Belt. Come spesso succede, il primo lancio di un rilievo viene sempre girato. Così fa Belt che spedisce la palla nel tunnel che porta al parcheggio del Coliseum. Remontada Gigantes e 6-4 por nosotors. Il vantaggio trasforma anche Bumgarner che nella parte bassa non ha problemi, anzi: piazza due K, il secondo però non viene preso bene da Coco Crisp che protesta a lungo prima di venir cacciato dall’arbitro.

I Giants però non sono sazi e allora nel settimo arrivano altri tre punti croccantissimi! Dopo il walk concesso a Cabrera, Buster Posey scaraventa la pallina nella stratosfera. 2-run HR e 8-4 per noi. Poi arriva una sequenza nera per gli A’s: walk a Pagan, singolo del Panda e walk a Belt. Risultato: basi piene, un solo out sul conto e Schierholtz al piatto. Nate non deve nemmeno far fatica: sul conto pieno Norberto lancia una palla altissima e altro walk per noi che fa entrare il punto del 9-4. Il rilievo di Oakland riesce poi a salvarsi con due strikeout su Crawford e Blanco. Oakland prova a rispondere nella parte bassa: il walk a Reddick pone fine alla gara di MadBum. Entra Romo che mette du K in sequenza. Tra il primo e il secondo però Reddick ruba comodamente la seconda. Attenzione però a quel che succede dopo: Romo manda in prima a gratis Inge e con Norris al piatto (sul conto di 1-2), Reddick ruba la terza ancor prima che romo effettui il caricamento! Posey avverte il suo pitcher che il corridore è partito ma l’assistenza arriva tardi. Ora gli A’s hanno corridori agli angoli ma lo sforzo è stato inutile visto che Norris viene kapponeggiato due lanci più tardi.

Si arriva senza particolari sussulti alla parte bassa del 9° con i nostri avanti 9-4. E qui inizia lo psicodramma Giants: Cabrera esordisce con una gran presa in tuffo che scippa Weeks di una valida. Poi tocca a Reddick che batte una rimbalzante verso il Panda che raccoglie e assiste Belt. Reddick però è un fulmine ed è chiamato salvo in prima. Bochy protesta pacatamente (il replay però dà ragione agli arbitri). Nessuno problema però per Loux che mette strikeout Cespedes. Arrivano poi il walk su Gomes e il singolo di Inge (che porta a casa Reddick per il 9-5). Bochy ordina: dentro Casilla. Anche Santi però viene colto dal virus “non la chiudiamo mai!” visto che Norris tocca la sua fastball: è un blooper tra shortstop ed esterno, Cabrera prova il tuffo ma questa volta niente presa al volo.Entra così il punto del 9-6. Finita? Macchè: Casilla concede un walk a Moss che riempie pericolosissimamente le basi. Tocca a Hicks che la spara alta e lunga: per poco non è un fuoricampo, fatto sta che si tratta di un ground-rule double che permette agli A’s di mettere sul tabellone altri due punti. E siamo 9-8 (sempre con i due out sul conto realizzati una mezzoretta prima!). Bochy ordina: dentro Javi Lopez! Anche il nostro rilievo mancino però concede una base ball. Smith trotterella in prima e di nuovo basi piene….

Bochy chiede a Righetti: “Ce l’abbiamo un lanciatore che sappia fare un out?”. Fuori Lopez e dentro Hensley. Al piatto si presenta Jemile Weeks, che era il leadoff di questo inning! Conto pari (2-2), Weeks gira e alza un poppino, di quelli che solitamente cadono nella terra di nessuno. Quattro Giants accorrono e tutti pensiamo alla stessa scena: pallina a terra a 30 centimetri da tutti! Invece Theriot azzecca una presa spalle al piatto che incredibilmente chiude i giochi in nostro favore! Grande Ryan!

Note positive del match

Belt: 2/3 con un fuoricampo, 2 BB e striscia di valide consecutive che tocca quota 11. E anche la sua media battuta schizza ai massimi: .273! Bravo ragazzo

Posey: stesso score di Belt (con due punti in più segnati e un RBI in meno) e un fuoricampo tremendamente lungo. Eccolo il rookie of the year dell’Anno Santo 2010.

Attacco+difesa: abbiamo fatto 9 punti con 8 valide. Finalmente! Di solito facciamo 3 punti con 12 valide…. in difesa invece sempre attenti (a parte l’assistenza del Panda nel nono) e con 3 o 4 prese da sballo, non ultima quella che decide la gara.

Note negative del match

Cabrera: 1/9 nella serie. Intendiamoci: anche con questi numeri resta un Dio del piatto (media .355) ma non vorrei che giugno si riprenda ciò che uno strepitoso maggio gli ha dato.

Il monte: 7 lanciatori utilizzati. 4 nel nono inning. MadBum ha concesso quasi 2 valide a inning, Loux tre punti in 0.2 ip, Casilla non sembrava quello delle mille salvezze conquistate. Oakland ha fatto un punto in meno di noi, con quasi il doppio delle valide (8 contro 15)

Stasera gara 3, si va per lo sweep. Sul monte Giants ci sarà PerfectCain mentre per Oakland…mister X (non è ancora stato deciso il partente).

Annunci

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: