CIN @ SF gara 3 (2-1): attacco povero, perdiamo di nuovo

[Articolo scritto da Angelo Cappa]

Giochiamo un’altra partita sottotono e subiamo la seconda sconfitta consecutiva contro i Reds.
In gara 2 non riusciamo a battere nulla contro Latos, che, ammettiamolo, ha lanciato un’ottima partita. In totale sono arrivate solo due valide, un doppio e un triplo, per noi. E il risultato finale è di 2-1. Non riusciamo a mettere corridori in base, gli unici sono stati Crawford nel terzo inning e Belt nel nono, e alla battuta ci ritroviamo sempre (e subito) indietro di 0-2 o 1-2. Insomma, il fatto di non far arrivare nessuno in base per più di 5 inning testimonia la scarsità del nostro attacco, nel match.
Come ieri riusciamo a segnare un punto solo nell’ultimo inning, troppo tardi per iniziare una rimonta.
Nel frattempo il nostro Zito, sul monte, nonostante la quantità industriale di balls, se la cava bene subendo un solo punto.

“E’ stata una buona prova” dice Bochy alla fine del match, “Zito ha avuto qualche difficoltà in due innings, ma ha lanciato sei innings subendo un solo punto. Un ottimo lavoro. Sfortunatamente, ci siamo imbattuti in un’altra ottima partita del lanciatore avversario.”

Per la seconda partita consecutiva facciamo arrivare il partente dei Reds fino in fondo, lasciando il loro bullpen a prendere il sole di San Francisco.
Latos non è nuovo a buone prestazioni contro i Giants, soprattutto all’AT&T Park in cui ha una ERA di 1.16.

Ma venendo a quello che è successo in campo, per i primi 3 innings si va avanti senza subire, nè fare, punti.
Nel secondo, Bruce arriva in seconda base dopo un errore di Sandoval, ma grazie alla ground ball seguente di Ludwick riusciamo ad eliminarlo in terza.
Come dicevo prima, la nostra prima valida del match arriva nel terzo inning con un doppio di Crawford, peccato che Zito si fa mandare K e Blanco foul out.

Il primo punto per Cincinnati arriva nella parte alta del quarto, in cui dopo il singolo di Phillips e il ground out di Bruce, arrivano due walks consecutivi a Ludwick e Frazier. Si riempiono le basi, Hanigan alla battuta. Zito purtroppo sta perdendo controllo e concede un’altra base ball, così da far segnare il punto dell’1-0 per i Reds.
Stessa situazione nel quinto, con le basi cariche, ma grazie ad una buona giocata di Crawford, effettuiamo un doppio gioco che ci salva dal subire qualche altro punto.

Si arriva così al settimo inning in cui, dopo il doppio di Cozart, Cairo (entrato al posto dell’infortunato Votto) batte il singolo che vale 2-0.

Il nostro attacco continua a dormire, e ci ritroviamo nel nono inning ancora sotto di due punti. Belt, con un out, entra come pinch hitter e batte un triplo che accende il pubblico.

Blanco però viene mandato ground out, permettendo almeno a Belt di arrivare a casa base per l’1-2. Theriot, infine, viene mandato strike out da Latos e il match finisce così.

Note positive del match:

– Zito: tutto sommato, nonostante il poco controllo, non lancia male, subendo un solo punto in 6.0 innings.

– Belt: notazione di merito per essere stato l’unico (oltre a Crawford) a battere qualcosa. Poteva essere importante per dare il via alla rimonta, ma a conti fatti ci siamo fermati a quella valida.

Note negative:

– Attacco: niente da fare, ragazzi. Se non si batte, non si vince. Legge vecchia quanto il baseball.

– Kontos: entra sull’1-0 nel settimo inning. Subisce un doppio da Cozart e un singolo da Cairo che ci mandano sotto 2-0. Bocciato.

Questa sera si gioca la partita finale della serie. Vogelsong vs Arroyo il matchup per evitare di perdere la serie.
Let’s go Giants!

Annunci

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: