COL @ SF gara 2 (3-9): la risposta non tarda ad arrivare

[Articolo scritto da Angelo Cappa]

E’ un tranquillo sabato pomeriggio, nella bay area di San Francisco. C’è sole, caldo, le barche sono piene di persone che mangiano, bevono, fanno festa, e come sempre tanti
kayak a ridosso dell’AT&T Park in attesa di prendere qualche fuoricampo in acqua (che purtroppo per loro, non è arrivato).
In questo idilliaco pomeriggio, i Giants hanno giocato una gran bella partita vincendo 9-3 contro i Rockies.

E’ stata una gran bella partita giocata da tutti i nostri Giants in campo. Da Cain a Pill, da Posey a Theriot.
Dopo un bel po’ di tempo, è finalmente arrivata una buona uscita di Cain, che dal perfect game del 13 Giugno non ne aveva azzeccata una. Dopo la brutta sconfitta di venerdì,
serviva una scossa che fortunatamente è arrivata.

Iniziamo bene, andando in vantaggio già nel secondo inning, in cui Posey, Pill e Theriot infilano tre singoli che caricano le basi, seguiti dalla sac fly di Arias che porta a casa Buster. Con Cain alla battuta si potrebbe pensare alla fine dell’inning, ma in realtà il nostro lanciatore batte un singolo che vale il 2-0. Arriva l’RBI del pitcher, la folla è in estasi.

Nel terzo inning arrivano altri due punti, questa volta portati a casa da un home run di Posey da due punti, arrivato dopo il singolo di Cabrera. Posey è “on fire”.

Nel quinto inning è Pence a farci segnare un altro punto. In precedenza Scutaro era riuscito a guadagnarsi una base con 4 balls. I Rockies decidevano di mandare in prima, intenzionalmente, Posey, in attesa di affrontare Pence. Mossa sbagliata. Hunter batte un doppio che porta a casa Scutaro. 5-0 Giants.

Nel sesto arriva invece il primo punto di Colorado, con la ground ball battuta da Rutledge con le basi cariche e 0 outs. Fortunatamente non subiamo altri punti, nell’inning.
Nella parte bassa dell’inning arrivano il triplo di Pagan e il singolo di Scutaro che aumentano il nostro vantaggio di altri tre punti. Siamo sull’8-1.

E’ nell’ottavo che i Rockies si fanno sotto con un fuoricampo di LeMahieu. Ma noi riusciamo a segnare dopo un altro wild pitch dei Rockies, questa volta di Brothers, dopo
che Arias aveva battuto un triplo da leadoff, nell’ottavo inning.

Nell’ultimo inning è Penny ad avere il compito di mettere la parola fine alla partita. Ma non senza qualche brivido, dopo il singolo di Colvin e l’errore di Arias, Nelson batte una valida che permette ai Rockies di segnare il 9-3.
Non succede altro. Il fly out di Young chiude la partita.

Note positive del match:

– Posey: continua a mantenere numeri mostruosi. In partita un bel 2 su 4 con un fuoricampo e due RBIs. Da metà Luglio batte .443 con 9 HR e 32 RBIs. Nessuno come
lui, su questo pianeta.

– Cain: finalmente arriva una bella partita. In 7.1 IP ha subìto due runs, per lui anche 6 SO e 1 sola BB. A tutto questo aggiungiamo anche la valida con RBI del secondo inning. Lui dice che non era preoccupato delle precedenti uscite. Speriamo sia davvero così.

– Il resto dell’attacco: tutti hanno battuto almeno una valida, in particolare Pill (2-4), Theriot (2-4) e Arias (2-3 e 1 RBI). 13 valide nel totale, 9 punti segnati. Ci accontentiamo, dai.

Questa sera, ore 22.05, giochiamo la terza partita. Zito affronterà White. Incrociamo le dita.

Annunci

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: