In carrozza… si riparte!

c4847f52-1580-42e0-ae6f-1983ede2a965Eccoci qui, ora il letargo è finito per davvero e tutto è pronto al grande ballo. La MLB può ripartire, il campionato più bello del mondo scende nuovamente in pista, per la stagione 2013. Quella che si apre con i San Francisco Giants campioni in carica.

Tutte le volte che arriva l’opening day stagionale, ci rendiamo conto di quanto lungo sia stato l’inverno e di quanto sia faticoso rinunciare al baseball per così tanto tempo; e, di contro, di quanto sia piacevole sapere che ogni giorno o quasi potremo vedere i nostri ragazzi in campo. Per sei mesi che saranno emozionanti come sempre, qualunque sia il risultato finale.

Già, il risultato finale. Abbiamo ancora negli occhi il titolo, il secondo in tre anni e, ripensandoci, quasi non ci si crede ancora, visto quello che abbiamo combinato. Abbiamo dimostrato cuore, grinta, classe, talento puro, passione. Aggiungendo un pizzico di fortuna a tutti questi ingredienti, abbiamo sollevato l’anello dei vincitori. Pertanto, quest’anno saremo nuovamente guardati dal basso verso l’alto, anche se la caccia al trono riparte da zero. Tutto è cancellato, restano sì i ricordi, ma non possiamo certo vivere di rendita e giocare solo per spirito sportivo. No, dobbiamo cercare di fare bene anche quest’anno, pur sapendo che conquistare un altro anello avrebbe del leggendario.

Ricordiamo bene come andò nell’anno post-titolo, il 2011. La squadra era partita discretamente ma finì per essere vittima di un attacco che non batteva mai. Il risultato fu che restammo fuori dai playoff, una grande delusione. Non vogliamo ripetere quell’annata, no di certo, pertanto l’obiettivo dev’essere quello di riconquistare la postseason. I mezzi, visto che la squadra è rimasta pressochè inalterata, ci sono. Ricordiamo anche che in quel 2011 l’infortunio di Posey pesò come un macigno e fu forse proprio per quello che la squadra si sciolse ai primi caldi, come neve al sole. Quest’anno, se il nostro Buster non verrà abbattuto da nessun Cousins del caso, abbiamo ragione di pensare che potremo mettere in piedi una stagione dignitosa e competitiva.

Proprio Buster è il fiore all’occhiello di questa preseason, soprattutto il contrattone che è stato appena siglato. Nove anni, che significano praticamente che il ragazzo rimarrà con noi praticamente per sempre, o quantomeno per la parte più importante della sua carriera. Di quello che succederà nel 2022 ci potremo pensare a tempo debito, a patto di arrivarci :)

Battute a parte, aver blindato Posey come detto significa molto, visto che ora la squadra verte di fatto su di lui, con un ruolo, quello di catcher, coperto per lungo tempo (poi non è detto che per 9 anni farà il catcher, visto che è un ruolo molto usurante). Attorno a Posey la squadra, ripetiamo, è quasi identica a quella dell’anno passato, con un outfield che ha 4 nomi per 3 posti ed un infield che ha qualche interrogativo in più, soprattutto legata alle condizioni di salute del Panda e di quelli che possono essere i back-up, visto che i titolari sono più o meno inamovibili. Il monte pare una certezza con almeno 4 dei 5 soliti partenti. Solo Lincecum può essere un’incognita, ma l’idea è che Bochy proverà a tenerlo come partente, almeno non prima di aver verificato se esistano delle alternative valide e se effettivamente il buon Timmy come partente non dà più garanzie.

Qualche dubbio in più arriva dal reparto rilievi. Attorno a qualche discreta garanzia come Affeldt e Casilla (oddio, dare della “garanzia” a Casilla potrebbe essere passibile di querela), abbiamo ancora Lopez, Kontos, Mijares, che bene o male il loro lavoro lo fanno. Poi c’è il nuovo arrivo Gaudin, che non sembra essere il massimo sulla piazza. Infine il ruolo di closer, che pare essere blindato sulle spalle del buon Romo. Ricordiamo che c’è la possibilità di effettuare cambi in corsa e, dato che Sabean si è sempre comportato in questo modo, tutto fa pensare che in caso di partenza col freno a mano, si possa agire anche questa volta in questo senso.

Vediamo quello che potrebbe essere il lineup titolare, quello dell’opening day, dando per scontato che il Panda sia ok.

Pagan CF, Scutaro 2B, Pence RF, Posey C, Sandoval 3B, Belt 1B, Crawford SS, Blanco LF.

I primi back-up sarbbero Torres in outfield, Arias nell’infield ed Hector Sanchez (se in condizione) dietro al piatto. In questo spring training abbiamo potuto scoprire due giocatori, come Noonan e Gillespie, che potrebbero dire la loro, soprattutto il primo, che è giovane e ha dimostrato di essere molto valido difensivamente. Sembra che Bochy lo mettera nel roster iniziale, quindi c’è la concreta possibilità che veda il campo più volte.

E i nostri avversari? ovviamente il pericolo più grosso è rappresentato dall’armata blu, che non sono i puffi (peraltro molto più simpatici), bensì i Los Angeles Dodgers, nostri primi avversari di questo campionato, che inizia lunedì alle 22.05 in trasferta. Loro sono forti, arrabbiati e talentuosi, anche se hanno qualche infortunio di troppo. Proprio per questo motivo sarebbe importante partire bene, e non mi riferisco solo alla serie iniziale, ma proprio nei primi 2 mesi, in modo da far capire loro che anche quest’anno non è che perchè hanno rotto il salvadanaio vuol dire che vinceranno la division in carrozza. No, bisogna far capire che bisognerà fare i conti, ancora una volta, con noi.

Ad ogni modo come detto partiamo quasi alla pari con loro, mentre il resto della division pare essersi piallato verso il basso, ad iniziare da quei D’backs fenomeni nel 2011 e sgonfiatisi l’anno scorso. Quest’anno sembrano essersi indeboliti ulteriormente, anche se bisogna continuare a tenerli d’occhio. Padres e Rockies partono a luci spente e non dovrebbero creare molti problemi, ma c’è da dire che più di una volta questa division ha riservato sorprese inaspettate. Per cui non ci sarebbe neppure da stupirsi troppo se i Rockies andassero a fine stagione a vincere la division. Il bello di questo sport è anche l’imprevedibilità.

Concludiamo con l’invito a seguirci come al solito sulle nostre pagine social, come già fate con la consueta dedizione. Il blog quest’anno, come già detto, verrà aggiornato al termine di ogni serie. Pertanto non aspettatevi il pezzo dopo gara 1 contro i Dodgers. Tempo di crisi anche per noi. No, battute a parte, riteniamo che un recap serie dopo serie possa innanzitutto non rubare troppo tempo a chi scrive (visto che già le partite durano il loro tempo) e inoltre poter dare un quadro più generale della situazione, visto che le pagine facebook e twitter servono per i commenti a caldo. Un ruolo che svolgiamo con l’interazione di voi fans. Poi, quante volte capitava di vincere gara 1 della serie e di scrivere “siamo fenomeni!” per poi perdere gara 2 e scrivere “cacciateli tutti quei bidoni indegni!”. Ecco, almeno un recap ogni serie ci consentirà un minimo di equilibrio in più!

Forza ragazzi, saliamo in carrozza e prendiamo posto, i campioni scendono di nuovo in campo e noi saremo, come sempre, al loro fianco. Avanti Giants!

 

2 Risposte to “In carrozza… si riparte!”

  1. Davide Says:

    Buona stagione 2013 ai nostri campioni, a tutti noi tifosi dei Giants e voi della redazione! :)
    Finalmente ripartirà un motto a noi tanto caro: “Let’s go Giants!!”
    Ciao!

  2. Andrea Collantin Says:

    Toccate ferro!

I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: