Giants VS A’S 1-1: Torna la W ma il monte piange

i

 

[Articolo scritto da Giorgio Sigon]

Dopo aver perso entrambe le sfide in casa di Oakland, la voglia e la necessitá imponevano un mini-sweep di vendetta. Il ritorno all’AT&T Park invece è stato prima amaro e poi dolce. Gli A’S vincono gara 1 mentee i nostri si rifanno in gara 2. In virtù dei risultati negli altri ballpark, la classifica rimane molto molto corta; il che vuol dire due cose. Da una parte i ragazzi della Baia sono ”fortunati” visto che il periodo di flessione abbastanza prolungato non è coinciso con una fuga da parte di una delle nostre rivali per il titolo della NL West. Dall’altra parte però c’è una sorta di rimpianto. Se avessimo sbagliato un pochino meno saremmo stati noi quelli in fuga con le inseguitrici ad arrancare.

Le due gare casalinghe hanno ancora messo in mostra i grossi limiti del nostro monte (e alcune costanti amnesie difensive) e ad analizzare bene i due match s’intuisce un po’ quale sia il momento dei Giants attuali: premesso che il monte è e resta un problema, se gli avversari non sfruttano certe situazioni (vedi la quantitá industriale di walk prodotto da Zito) allora abbiamo concrete chance di portarci a casa il match (a meno di giornate di grazia dell’attacco ovviamente). Se invece oltre a “regalare” subiamo anche nelle situazioni chiave…beh allora il rischio è quello di essere giá sconfitti al quarto inning.

Sempre in tema monte Bochy ha deciso di inserire in rotazione Gaudin e la notizia non é certo confortante. L’augurio é che i nostri timori vengano spazzati via ma a bocce ferme è difficile pensarlo.

GIANTS VS A’S GARA 1 (6-9): PROMOZIONE TIM, PUNTI GRATIS PER TUTTI

Il primo inning degli A’S é un po’ lo specchio di quanto detto poche righe fa. Un walk, un triplo e un errore di Scutaro porta i giallo-verdi sul 2-0. E la gara é subito in salita. Nella parte bassa del secondo il solo shot di Pence ci fa tornare “in business”. Dopo il doppio colpo iniziale, Lincecum non paga dazio anche se non pare quasi mai in controllo. Nel quarto inning arriva una visitina sul monte dopo un doppio e un singolo concessi ma Tim si salva in angolo.

Oakland peró scappa via nel quinto a rtmo di “danza”: singolo, doppio, singolo, singolo, singolo non sono i passi di una coreografia ma rappresentano la produzione offensiva di Cris, Lowrie, Jaso, Donaldson e Freiman. L’inning lo porta a casa Lopez visto che Bochy richiama giustamente Lincecum. I nostri sono bravi a rispondere per due volte (da segnalare il fuoricampo di Pill) visto che la produzione offensiva non manca. Quello che ci manca é il classico cent per fare un dollaro. Per due volte arriviamo a -1 e poi ci blocchiamo. Arriviamo a mettere corridori agli angoli ma quando sul conto ci sono due out oppure arrivano doppi giochi che ci stendono.

Oakland confeziona lo scatto decisivo nel nono inning con altri due punti che permettono a Balfour di guadagnarsi una salvezza tranquilla. Lincecum chiude con 4.2 ip 7 hits 6 punti concessi di cui 5 guadagnati, 4 bb e 4 k.

GIANTS VS A’S GARA 2 (5-2): BELT E IL PANDA…SCACCO MATTO IN DUE MOSSE

Anche in gara 2 l’inizio non é confortante: doppio di Crisp, walk concesso da Zito e doppia rubata. Morale: corridori in posizione punto e zero eliminati. Barry però ne esce alla grandissima riuscendo a portare a casa l’inning senza subire punti. Di questi tempi verrebbe da dire….incredibile!!!

Tra un walk e l’altro arriva però il vantaggio ospite: nella seconda ripresa il singolo di Crisp porta a casa Norris e come sempre ci troviamo ad inseguire.

La gara scorre via abbastanza rapidamente senza particolari sussulti ma i Giants sanno aspettare il momento giusto. L’occasione propizia si presenta nel sesto e i nostri la raccolgono al volo. Con Pill e Crawford in posizione punto, il Panda spara una valida verso la seconda che aumenta di due unitá la casella RBI di Pablone nostro. L’AT&T torna a gioire ed è vantaggio arancioneri che non si accontentano. Con due out sul conto arriva prima il singolo di Posey e poi il doppio di Belt che trova il buco tra gli esterni. 4-1 per noi e sospiro di sollievo. La rimonta di Oakland si limita all’RBI di Cespedes a cui peró fa seguito il 5-2 firmato da Crawford che porta a casa Noonan. La gara che non si poteva perdere per fortuna é stata vinta. Zito chiude con 3 valide concesse ma anche con 6 basi ball. Romo invece fa registrare al sua quattordicesima salvezza stagionale

PROSSIMA SERIE

Archiviata l’ andata-ritorno con gli Athletics ora ci tocca una serie difficile e rognosissima sul campo dei Cardinalsche guidano la NL Central e che sono reduci da 7 vinte e 3 perse nelle ultime 10 gare. Se confrontato con il nostro record fuori casa (9 vinte e 15 perse)….. Beh meglio non essere troppo pessimisti.

Primo match-up questa sera sul monte: Cain contro Miller. Go SF sempre e comunque!

I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: