Giants vs Marlins (1-3): Si va di male in peggio.

i-1

Sapete qual è il risultato alla fine di una serie del genere? Un enorme mal di testa, di quelli che ti rovinano la giornata, che non ti mollano mai. I Giants visti contro i Marlins mi hanno fatto questo effetto, e credetemi, non è affatto facile commentare una serie come questa. Abbiamo sbagliato tanto, tantissimo, dalla corsa sulle basi alle battute non arrivate con corridori in posizione punto. I Marlins sono una delle squadre più forti della lega, e quindi una sconfitta ci può stare, ma perdere così non è mai facile.

Ok, meglio non scherzare con le cose serie, ma è inutile negare come le pretese prima che iniziasse questa serie fossero diverse: dovevamo vincerla per rialzarci e invece l’abbiamo persa malamente. La nostra unica vittoria, in quattro partite, è arrivata in un match che stavamo anche per perdere, quindi sarebbe potuta finire  con un bel 0-4 e tutti felici e contenti.

GARA 1 GIANTS VS. MARLINS (1-2): POTEVA ANCHE ANDAR PEGGIO.

Match perso nel finale, con una partita  dominata dai lanciatori. Poteva andare peggio perché Gaudin, nel quinto inning, viene colpito al gomito da una battuta di Dietrich, e “fortunatamente” almeno il braccio non si è fratturato.

In un match che prosegue in una parità assoluta, 0-0, i primi ad andare in vantaggio siamo noi, grazie al doppio di Belt e al triplo di Arias nella parte bassa del settimo. Il vantaggio però non dura a lungo e nell’ottavo inning arriva il soprasso Marlins. Sandy Rosario non inizia bene la ripresa, concedendo una base su ball a Ruggiano, Affeldt non fa meglio colpendo Dietrich. Miami approfitta della situazione e con un bunt di sacrificio manda i due corridori in terza e seconda. Sarà Ozuna, con il suo singolo, a far arrivare a casa base Ruggiano e Dietrich, portando in vantaggio la sua squadra. Il match finisce così, 2-1.

GARA 2 GIANTS VS. MARLINS (3-6): Continua il calvario.

Nel momento in cui Lincecum esce dal campo, dopo 7 riprese, il match è in parità sul 3-3. Il bullpen, anche questa volta, il colpevole della sconfitta. In questo caso possiamo parlare di Dunning e Machi, che combinano un disastro. Ma andiamo con ordine.

Nel secondo inning Morrison batte un fuoricampo che sblocca la partita. Il pareggio arriva nel nostro seguente attacco, figlio del ground out di Noonan arrivato con le basi cariche e 1 out. Nel terzo andiamo finalmente in vantaggio per 2-1 grazie all’ottimo lavoro di Blanco (singolo e rubata) e Scutaro, che con il suo doppio porta a casa il nostro Gregor.

Nella quinta ripresa allunghiamo ancora, segnando un altro punto con il doppio di Pence che porta a casa Posey. Il vantaggio, purtroppo, sfumvo, a tutto nell’inning successiquando la tripla di Morrison e il singolo di Ozuna portano il match in parità.

L’ottava ripresa è quella che decide la partita. Dunning sostituisce Lincecum e con un out prima concede il singolo a Lucas e poi colpisce Stanton. Lopez viene richiamato da Bochy per cercare di arginare i danni, e manda subito strike out Morrison. A questo punto entra Machi e i Marlins battono un singolo con Ozuna, Doggs ed Hechavarria. Tre punti segnati e partita persa.

GARA 3 GIANTS VS. MARLINS (2-1 F/11): Vittoria che salva la faccia?

Dopo tanta fatica finalmente vinciamo un match contro i Marlins. La loro ultima sconfitta a San Franscisco risaliva al 2008, ne hanno vinte nove di fila in casa nostra.

Il match si mette subito male, con Miami in vantaggio già nel primo inning con il fuoricampo da un punto di Lucas, il primo in carriera. Zito, però, lancia bene e per 7.0 inning non concede altri punti agli avversari.

Il nostro pareggio arriva nella parte bassa del quinto. Si iniza con il doppio di Perez che viene mandato a casa da un Blanco che spedisce la palla nella triples alley (ground-rule double). La partita rimane sull’1-1 fino all’undicesimo, con i Marlins che sprecano diverse occasioni facendoci sudare un po’. La vittoria, però, arriva grazie al singolo di Sanchez. E fu così che evitammo lo sweep.

GARA 4 GIANTS VS. MARLINS (2-7): Poteva anche andar peggio (pt. 2).

No, questa volta no. Peggio di così non poteva andare. Perdiamo la serie dopo una brutta partita nella quale non abbiamo quasi mai dato l’impressione di poterla vincere.

Nemmeno un out e siamo di nuovo in svantaggio per 1-0 dopo il fuoricampo di Ruggiano. I Marlins allungano sul 2-0 nel quarto inning  con il singolo di Morrison e il doppio di Ozuna, per poi arrivare sul 3-0 nella sesta ripresa a causa dell’errore di Belt.

Tra il sesto e il settimo ci rifacciamo sotto, provando a rimontare il match, prima con il ground out di Scutaro, poi con il fuoricampo di Pence. Purtroppo per noi non riusciamo più a pareggiare nè a vincere, e nel nono inning arrivano altri quattro punti per Miami. Machi, ancora una volta, artefice della disfatta. Il bullpen senza dubbio sta passando un brutto periodo, e deve passare al più presto.

PROSSIMA SERIE.

Da questa notte inizia una serie che definire cruciale è poco. Ci spostiamo a LA nella tana del nemico per affrontare i Dodgers.

Bumgarner vs. Ryu la sfida sul monte per gara 1.

Una Risposta to “Giants vs Marlins (1-3): Si va di male in peggio.”

  1. andrea Says:

    E ci va di lusso che dopo questi e altri disastri siamo ancora lì a 3 partite. Ma se non ci svegliamo non so quanto durerà.

I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: